2 Dicembre - Aggiornamento Covid

  • December 2, 2021

  undefined

Nella giornata di mercoledì 1 dicembre, 7853 su 22945 tamponi molecolari sono risultati positivi. 1388, invece, quelli positivi su 30393 test Ag effettuati. 103 vittime, 14606 quelle totali dall’inizio della pandemia. Il numero di pazienti ospedalizzati è pari a 3380 (0 in più rispetto a ieri), di cui 600 in terapia intensiva. 3110 persone hanno deciso di effettuare la prima dose di vaccino, 2020 quelle che hanno ricevuto la seconda.
Ad oggi, 415.237 persone sono state vaccinate con la terza dose del nuovo vaccino contro il coronavirus. Martedì 30 novembre, 11.669 persone hanno ricevuto la terza dose. Sono stati inviati più di 750.000 inviti a fare la terza dose via SMS. "La maggior parte dei pazienti con infezione da coronavirus che necessitano di cure ospedaliere ha più di 65 anni, di cui 1.337 non vaccinati", precisano dal Centro Nazionale per l’Informazione Sanitaria.            Nella giornata di ieri, il governo ha approvato il progetto di buoni da 500 euro per gli anziani vaccinati sopra i 60 anni, da usare in hotel, eventi culturali e servizi selezionati. Il ministro delle Finanze Igor Matovič (OĽaNO) però, teme che il parlamento non approvi tale progetto. Infatti SaS, che ha votato contro i buoni, ha annunciato la sua intenzione di fare lo stesso anche in parlamento.  L'RRZ, il consiglio di responsabilità fiscale, ha condannato questo piano da 500 milioni di euro, in quanto esso non è stato rivisto né dall'unità Value for Money né dagli economisti comportamentali e inoltre il governo non ha fissato alcun obiettivo che i voucher dovrebbero raggiungere. La Corte Costituzionale ha stabilito che l'imposizione di misure di contenimento della pandemia attraverso direttive è in linea con la Costituzione slovacca, respingendo completamente la mozione presentata dal procuratore generale Maroš Žilinka.
Per quanto riguarda il traffico nei negozi, esso è sceso di un terzo dopo l'imposizione del lockdown. Le vendite dei ristoranti sono diminuite della metà, e anche le vendite al dettaglio, tranne gli alimentari, sono diminuite. Le vendite della grande distribuzione invece, sono rimaste stabili.
A causa del deterioramento della situazione pandemica, ÚVZ, l’autorità sanitaria pubblica, sta chiudendo tutte le scuole medie e superiori della regione di Bratislava da lunedì 6 dicembre, così come anche nei distretti di Prievidza e Partizánske. Già il 30 novembre altre unità regionali avevano deciso di chiudere le scuole medie e superiori: si tratta, nello specifico, di RÚVZ Rožňava, RÚVZ Vranov nad Topľou, RÚVZ Lučenec e RÚVZ Dolný Kubín. Lo stesso hanno fatto, a partire da ieri, RÚVZ Banská Bystrica, RÚVZ Rimavská Sobota, RÚVZ Senica e RÚVZ Trnava. Anche ÚVZ Galanta e RÚVZ Čadca hanno deciso di chiudere le scuole a partire da oggi, 2 dicembre. Questa settimana, il 20% degli alunni sta studiando online.
Per quanto concerne il trasporto pubblico, la società di autobus Arriva è stata costretta a fermare diverse linee nella regione di Trnava, Hlohovec e Piešťany mercoledì, poiché molti dei suoi autisti sono risultati positivi al Covid-19 o sono in quarantena.

 Torna alla pagina principale e leggi tutte le ultime notizie. Visita news.camit.sk