Prezzi dell’energia: aiuti solo per le famiglie

  • June 28, 2022

undefined 

   Oltre a SPP, anche il gruppo ZSE/VSE/Innogy (controllato da E.On) offrirà prezzi del gas più bassi alle famiglie nei prossimi anni, ha dichiarato il ministro dell'Economia Richard Sulík. Queste società hanno una quota di mercato congiunta dell'82%. In base a un contratto quadriennale, aumenteranno i prezzi del 20% più l'inflazione annuale nel 2023 e del solo valore dell'inflazione nei tre anni successivi. Nel 2023 le famiglie dovrebbero pagare 57 euro per MWh e nel 2026 circa 76 euro (+76% rispetto a quest'anno). Nell'arco di un anno, il prezzo salirà a 66 euro (42% più inflazione).
   La SPP, gestita dallo Stato, perderà di fatto denaro nel 2023-24, ha dichiarato Sulík. Inoltre, prenderà in prestito una parte del gas da un impianto di stoccaggio ceco e lo restituirà nel 2026. SPP prevede di recuperare tutte le perdite nel 2024-25.
Il prezzo vantaggioso dell'energia elettrica per le famiglie, pari a 61 euro per MWh, sarà limitato ad un consumo annuo di 4 MWh nel 2023-24, ha annunciato Sulík. La famiglia media utilizza 2,2 MWh all'anno. Al di sopra di questo limite, il prezzo sarà più alto, 220-230 euro. Il governo non ha in programma di aiutare le aziende con i prezzi dell'energia.
   I ministri dell'energia dell'UE hanno concordato che gli impianti di stoccaggio del gas devono essere pieni almeno all'80% entro l'inizio del prossimo inverno e al 90% nell'autunno del 2023. I Paesi con grandi impianti, come la Slovacchia, dovranno immagazzinare almeno il 35% del consumo medio annuo. I ministri hanno anche concordato che l'UE dovrà produrre entro il 2030 il 40% della sua energia da fonti solari, e rinnovabili.

 

 Torna alla pagina principale e leggi tutte le ultime notizie. Visita news.camit.sk

Le notizie più lette