Aggiornamento Energia 23 Settembre

  • September 23, 2022

  undefined

 

Il partito di coalizione Za ľudí ha proposto di distribuire assegni da 150 euro a 600.000 persone a basso reddito come compensazione del prezzo dell'energia, per un costo di 90 milioni di euro. Vuole aumentare i sussidi per le necessità materiali del 14% (10 milioni di euro all'anno). Propone inoltre una riduzione temporanea dell'IVA sull'elettricità dal 20% al 10% (250 milioni di euro). Infine, vuole che il governo fornisca alle imprese prestiti ponte senza interessi. Il transito di gas attraverso il gasdotto internazionale gestito da eustream scenderà quest'anno a 25-30 miliardi di metri cubi, secondo le stime del suo amministratore delegato, Rastislav Ňukovič. Negli ultimi anni la media è stata di 57 miliardi e l'anno scorso di soli 42 miliardi, con un impatto sulle finanze dell'azienda. Dal 2009, la Slovacchia ha costruito nuovi gasdotti verso l'Ungheria e la Polonia, e ora è possibile un flusso inverso verso l'Ucraina. La Slovacchia ha gas a sufficienza per questa vittoria, ma Ňukovič vede grossi punti interrogativi sulle forniture di gas LNG all'UE nel prossimo inverno, se la domanda di gas in Asia dovesse riprendersi. Il 74% degli slovacchi vuole ridurre i consumi energetici, ma il 41% non intende ridurre la temperatura delle proprie case in inverno e il 28% solo di un grado, secondo un sondaggio dell'agenzia Ipsos. Le persone riscaldano le loro case solitamente a 21-22°C. Gli slovacchi vogliono risparmiare più sulle vacanze e sui vestiti che sui comfort, ovvero sulla temperatura o sul consumo di acqua.

 Torna alla pagina principale e leggi tutte le ultime notizie. Visita news.camit.sk

Le notizie più lette