Emergono nuove frodi nel settore dei mutui commerciali: trema un settore da 4,7 miliardi di dollari

  • July 9, 2024

undefined 

Secondo il WSJ, il declino dei valori dei mutui commerciali, guidato dall'aumento dei tassi di interesse e delle inadempienze, sta portando alla luce un gran numero di frodi.
Non sorprende che i pubblici ministeri statunitensi stiano intensificando gli sforzi per contrastare le frodi sui mutui commerciali, creando scompiglio in un mercato da 4,7 miliardi di dollari e sottoponendo i prestiti immobiliari a un controllo ancora maggiore. Le autorità di regolamentazione e i procuratori federali hanno notato un aumento dei prestiti immobiliari basati su bilanci e valutazioni falsificate. Questo tipo di frode è proliferato dalla metà degli anni 2010 al 2021, quando i prezzi degli immobili sono saliti alle stelle, incentivando i proprietari a manipolare ulteriormente i numeri sui bilanci.
L'attuale calo dei valori immobiliari sta mettendo a nudo questi schemi, mettendo a dura prova un mercato CRE che sta già affrontando il periodo peggiore dalla crisi finanziaria del 2008-2009. "È una tendenza generale nel corso della storia che le frodi si verifichino durante i periodi di boom e vengano rivelate durante i periodi di crisi", ha dichiarato John Griffin, professore di finanza presso la McCombs School of Business dell'Università del Texas. Le frodi immobiliari spesso derivano dall'approccio poco attento che molti finanziatori adottano nei confronti delle valutazioni, soprattutto in tempi di abbondanza.
Più precisamente, i finanziatori si fidano dei bilanci che appaiono coerenti con proprietà simili, evitando revisioni costose e lunghe. Tuttavia, la mancanza di una due diligence rigorosa permette alle frodi di non essere scoperte.
Sebbene non siano disponibili i numeri esatti delle indagini in corso, i recenti patteggiamenti lasciano intendere una vasta portata delle frodi immobiliari pre e post pandemia. Dallo scorso autunno, almeno cinque grandi proprietari si sono dichiarati colpevoli di frodi federali che riguardano dichiarazioni di reddito falsificate e vendite immobiliari gonfiate.
Un caso degno di nota riguarda il proprietario ROCO Real Estate, con sede nel Michigan, che ha gonfiato i dati relativi ai profitti di un complesso di appartamenti in affitto a Tallahassee, in Florida. Le cifre gonfiate hanno portato a una valutazione più alta dell'immobile e a un prestito consistente da parte di JP Morgan Chase. L'immobile è poi fallito e Tyler Ross di ROCO si è dichiarato colpevole di falsificazione dei bilanci.
In un caso simile, il gestore immobiliare newyorkese Jacob Deutsch è stato condannato a oltre cinque anni di carcere per aver frodato i finanziatori in relazione a 24 mutui multifamiliari. La frode consisteva nel sovrastimare il numero di affittuari e nel gonfiare il reddito da locazione.

 

 Torna alla pagina principale e leggi tutte le ultime notizie. Visita news.camit.sk

Le notizie più lette