11 Gennaio – Aggiornamento Covid

  • January 11, 2022

  undefined


Nella giornata di lunedì 10 gennaio, 2595 su 13746 tamponi molecolari sono risultati positivi. 576, invece, quelli positivi su 39681 test Ag effettuati. 50 vittime, 17.039 quelle totali dall’inizio della pandemia. Il numero di pazienti ospedalizzati è pari a 2053 (2 in meno rispetto a ieri), di cui 416 in terapia intensiva. 2518 persone hanno deciso di effettuare la prima dose di vaccino, 2117 quelle che hanno ricevuto la seconda.
Domani il governo discuterà una nuova versione del cosiddetto Automat Covid, che andrebbe ad allentare le misure di contenimento per i vaccinati e guariti, i quali sarebbero autorizzati a recarsi in ristoranti e negozi anche nei quartieri colorati in nero.  Verrà anche preso in considerazione se limitare lo status di vaccinati solo per coloro che hanno ricevuto la terza dose di vaccino contro il Covid-19. Se approvato dal governo, il nuovo Automat Covid entrerà in vigore a partire da lunedì 17 gennaio. In generale, le restrizioni che verranno adottate dipenderanno principalmente dalla disponibilità di letti per Covid negli ospedali. Attualmente, 34 su 79 distretti slovacchi sarebbero inclusi nella fase nera. Il governo ha inoltre approvato restrizioni più blande per gli eventi culturali, secondo le quali solo i vaccinati e guariti sono ammessi, mentre gli eventi sono limitati a 100 persone o al 25-50% della capacità della struttura ospitante. Inizialmente, il limite posto era di sole 50 persone. Il prossimo 20 gennaio, è prevista la pubblicazione di un’analisi dei ministeri della Salute e della Giustizia riguardante gli obblighi vaccinali e i co-pagamenti per le cure dal Covid negli ospedali.
L'AZZZ, una lobby economica, vuole che il governo riduca la quarantena per il contrasto alla variante Omicron del virus dagli attuali 10 a 3-5 giorni, come già previsto dai paesi dell'Europa occidentale e dagli Stati Uniti. La Lobby vuole anche che i lavoratori che presentano un test positivo ma che sono asintomatici siano comunque in grado di andare al lavoro, per limitare l'impatto della pandemia sull'economia. Infatti, la rapida e massiccia ondata della variante Omicron può risultare in una carenza a breve termine di lavoratori sani nelle aziende e nei servizi pubblici.
Nel resto d’Europa, l’obbligo vaccinale è già stato adottato in Austria, Italia e Grecia. L'Austria ha annunciato l’intensificazione dei controlli relativi al rispetto delle misure di contenimento della pandemia, e per entrare nel paese sono ora necessarie tre dosi di vaccino o un test PCR negativo. Dal 20 dicembre scorso, la polizia austriaca ha negato l'ingresso nel paese a 5.100 persone.
Infine, Pfizer ha annunciato che il vaccino contro la variante Omicron del Covid-19 sarà pronto a marzo. Maggiori informazioni a riguardo le trovate QUI.

 Torna alla pagina principale e leggi tutte le ultime notizie. Visita news.camit.sk